Seleziona una pagina

Locorotondo

Nel paese delle cummerse

Locorotondo – Cosa vedere.

Quando abbiamo pensato alla nostra vacanza in Puglia, la Valle d’Itria è stata da subito in cima alla lista dei posti da vedere e Locorotondo è stato il primo paese che abbiamo visitato.

A meno di 10 km dalla più nota Alberobello, Locorotondo è stata fondata intorno all’anno 1000 e ha quindi tante cose da raccontare.

 

Il nome

Locorotondo – Cosa vedere

Per prima cosa, da dove deriva il nome di questo grazioso paesino? Facile: dalla sua forma.

Locus Rotundus significa proprio “luogo rotondo” e se potessimo vederlo dall’alto, noteremo ancora meglio la forma arrotondata del centro storico, con le case bianche disposte quasi in cerchio.

 

Le sue case. Sì, ma le casette di Locorotondo hanno una particolarità.

 

Le cummerse

Locorotondo – Cosa vedere

Locorotondo – Cosa vedere

Cummerse e chiancarelle 

Locorotondo è conosciuta per le tipiche abitazioni con il tetto spiovente, le cummerse, a loro volta ricoperte da lastre calcaree, le chiancarelle.

Sono veramente caratteristiche e non le ritroverete in nessun altro paese della Valle d’Itria.

 

Su Locorotondo non c’è tanto da dire. La cosa bella è perdersi tra le stradine, passare sotto gli archi, visitare le chiese, sbirciare nei cortili, sempre con il naso un po’ all’insù per non perdersi i bellissimi balconi fioriti.

Locorotondo – Cosa vedere
Locorotondo – Cosa vedere

Non a caso, Locorotondo è annoverato tra i borghi più belli d’Italia.

 

A spasso per Locorotondo

Locorotondo – Cosa vedere

Il primo assaggio della bellezza di Locorotondo l’abbiamo appena lasciata l’auto.

Pochi passi e subito davanti a noi la facciata della Chiesa di Maria SS. Addolorata. Molto bella la chiesa, ma davvero deliziosa Piazza Dante che le si apre davanti.

Locorotondo – Cosa vedere

Chiesa di Maria SS Addolorata

Questa è solo una delle tantissime chiese del paese. Sì, perché a Locorotondo gli edifici religiosi non mancano di certo.

Tra le altre chiese, spiccano sicuramente quella di San Rocco, patrono della città che liberò gli abitanti di Locorotondo dalla peste, e la Chiesa della Madonna della Greca, la più antica del paese.

 

E poi c’è lei, la bellissima Chiesa Madre.

 

Chiesa Madre di San Giorgio

Locorotondo – Cosa vedere

La Chiesa Madre è dedicata a San Giorgio ed è stata costruita tra il 1790 e il 1825 sulle rovine di altre due chiese, una delle quali risalente addirittura al 1195.

Locorotondo – Cosa vedere

Chiesa Madre di San Giorgio

La sua cupola è alta 35 metri, mentre il campanile raggiunge i 47 metri e spicca tra le casette basse del borgo.

Dalla Chiesa Madre a Palazzo Morelli, un bellissimo esempio di architettura civile barocca che cattura l’attenzione di tutti i passanti. Un portale riccamente decorato, i balconcini in ferro battuto e le immancabili fioriere ad abbellire il tutto.

Locorotondo – Cosa vedere

Palazzo Morelli

Non lontano da Palazzo Morelli, c’è la bella Torre dell’Orologio.

Locorotondo – Cosa vedere

Torre dell’Orologio

Più che una torre è un vero e proprio edificio, che in passato è stato addirittura sede dell’Università.

Costruito nel XVIII secolo, è stato poi abbellito con l’orologio che decorava inizialmente il campanile della Chiesa di San Giorgio.

 

Poco distante si apre Piazza Vittorio Emanuele, il salotto di Locorotondo.

 

Andando verso il belvedere, che non vogliamo assolutamente perderci, ci imbattiamo in un altro gioiello, la Cappella della Madonna del Soccorso, semplicissima ma per me molto bella, costruita nel 1630 con i fondi che sarebbero dovuti servire per il restauro di una piccola chiesa che si trovava nelle vicinanze.

Locorotondo – Cosa vedere

Cappella della Madonna del Soccorso

E dopo tutta questa bellezza, non poteva mancare una veduta mozzafiato dal belvedere di Via Nardelli.

Locorotondo – Cosa vedere

Uno sguardo sulla Valle d’Itria

Vitigni, masserie e trulli.

Anche se questo è solo un assaggio, la Valle d’Itria mi ha già conquistata.

 

Adesso ci spostiamo a Cisternino, il paese famoso per… No, non voglio anticiparvi nulla.

Se volete conoscere tutti i segreti di Cisternino, cliccate qui.

 

Potrebbe interessarti anche:

 

 

Translate »